Il filo del destino (2 parte)

Salve a tutti carissimi lettori! 👋

Vi presento il secondo capitolo della mia piccola storia, grazie mille di cuore a tutti voi per il vostro affetto che mi fa sentire motivata ogni giorno per continuare a disegnare e a scrivere! 🥰

Attenzione agli spoiler!!! Per chi non avesse letto il primo capitolo,leggere prima qui 👉 Il filo del destino (1 parte)

Elga. Acquerello e matite colorate su foglio A4.

Il filo del destino,2 parte:

«Non voglio assolutamente toccare quell’argomento,Marina! Lo sai il motivo,non c’è bisogno che debba ripetermi ancora una volta. È stato davvero un gesto di cattivo gusto da parte tua parlare di quella faccenda dinanzi ai miei colleghi,non era il momento e perdipiù durante una cena di lavoro!» Elga era furente mentre parlava al cellulare, «ora non posso perdere tempo a discutere,fra poco devo andare al lavoro,a presto».

La donna chiuse la comunicazione in modo brusco e lanciò il telefono sul tavolo.In quel momento arrivò Francesca,che vedendo sua madre alterata,volle sapere il motivo: «Mamma,cosa succede?»

«Come ben saprai,la gente non sa tenere la bocca chiusa…uff…fai colazione,fra poco devi andare a scuola,poi ti spiegherò.»

Francesca non replicò oltre,si diresse verso la cucina e dal frigo prese una bottiglia di latte,ne versò un po’ dentro un pentolino e lo mise a scaldare sul fornello. «Hai già fatto colazione?» domandò a sua madre mentre prendeva una tazza dalla credenza. «Si,mi sono alzata molto presto per controllare la mia casella di posta elettronica. Sto aspettando un’email molto importante da parte di un venditore di oggetti antichi al quale ieri ho inviato la richiesta per acquistare uno dei suoi pezzi esposti sul suo sito; spero che mi risponda,ci tengo a quell’acquisto», rispose Elga pensierosa mentre guardava lo schermo del PC posato sul tavolo.

Francesca dopo aver fatto colazione con latte e cereali,si caricò in spalla il suo pesante zaino in jeans e salutò la madre. Erano le 7,36 e doveva andare a scuola, «Mamma,io vado,oggi ho la verifica d’inglese,incrocio le dita…» disse preoccupata,Elga ricambiò il saluto e la ragazza uscì.

«È già arrivata l’ora di andare anch’io a lavoro» disse guardando l’orologio sullo schermo del computer. Lavorava come impiegata al Comune,poco distante da casa sua.

Una volta entrata nella sua auto,udì il suono di una notifica,guardò velocemente lo smartphone e vide un nuovo messaggio WhatsApp,era Alex,che le aveva mandato il buongiorno e un invito per andare a cena con lui quella sera,accettò l’invito senza pensarci troppo,aveva bisogno di svago dopo le lunghe e noiose giornate trascorse rinchiusa in una stanza d’ufficio.

Arrivò dinanzi al grande e antico caseggiato dove erano situati gli uffici comunali; entrò e si diresse verso la sezione di assistenza sociale situata al piano superiore. Salutò allegramente le sue colleghe e si sedette nella sua scrivania,dinanzi al computer. Durante la pausa delle 10.00 andò a bere un caffè al bar vicino,dove potè chattare con Alex per un po’. Vide anche un messaggio da parte di Marina,la quale si scusó con lei per l’accaduto,ma Elga non rispose.

Appena rientrò a casa la sera dopo aver parlato con sua figlia della giornata appena trascorsa, guardò le email e vide che il venditore di oggetti antichi aveva risposto,accettando la vendita dell’opera,si trattava di un dipinto raffigurante un paesaggio,Elga era davvero elettrizzata per aver ottenuto finalmente quell’oggetto,concluse subito le trattative per l’acquisto e andò a cambiarsi,era entusiasta per quell’appuntamento con Alex, pensò che quello fosse il suo giorno fortunato.

Indossò il suo miglior vestito. Un leggero abito nero lungo con un’ampia scollatura le fasciava perfettamente le curve bellissime. Mise in risalto i suoi intriganti occhi castani con un trucco smokey d’effetto,stese il rossetto rosso satinato sulle sue belle labbra carnose. Lasciò sciolti i capelli corti che le arrivavano alle spalle che incorniciavano il suo viso fine,conferendole un aspetto incredibilmente affascinante,aveva 42 anni. Scrisse ad Alex che era pronta per uscire,era in largo anticipo ma non vedeva l’ora che lui arrivasse,non si era più sentita così emozionata.

«Sembri una ragazzina durante il suo primo appuntamento!» rise la figlia, «Può darsi» rispose leggermente toccata da quell’affermazione.

Udì alcune notifiche,vide che c’erano 6 messaggi ma non era Alex era nuovamente Marina,che insisteva sul fatto che non rispondesse ai suoi messaggi,voleva spiegazioni,Elga era seccata dall’insistenza della donna e ignorò ancora una volta i messaggi.

Finalmente arrivò la notifica del messaggio di Alex,era sotto casa,si alzò di scatto dal divano, «Francy sto andando» disse a voce alta, «Ok buona serata!» Rispose la ragazza. Appena sua madre uscì,corse alla finestra per vedere di chi si trattava, «Non è possibile…è proprio Alex! A me quel bugiardo ha detto di non dire niente a mia madre e invece sono amanti accidenti…! Ora sì che voglio spiegazioni,odio essere presa da stupida!» Francesca era furiosa con Alex,non sopportava le bugie. Raccontò subito l’accaduto alla sua migliore amica tramite un lungo sfogo telefonico.

Alex ed Elga giunsero al ristorante con vista sul mare,era un luogo da sogno. La luna illuminava l’ambiente con la sua luce argentea,rischiarando la notte,che invitava ad abbandonarsi all’amore. Elga rimase senza parole per lo stupore,l’emozione era talmente forte che il cuore pareva che volesse uscirle dal petto per quanto batteva forte. Era commossa.

«Grazie infinite,Alex,è un luogo meraviglioso,non ero mai stata in questo locale,e in più si vede il mare che io adoro,mi hai resa profondamente felice.» Elga lo abbracciò calorosamente,e l’uomo ricambiò l’abbraccio; Ad Alex gli ritornò alla mente il giorno prima,quando la vide mentre dormiva. Si sentì sfiorare il viso dai suoi capelli soffici e profumati,non avrebbe mai dimenticato il profumo aromatico che indossava e il tocco della sua pelle delicata. Mentre sciolsero il loro abbraccio,i loro volti erano vicinissimi,sentivano il respiro che accarezzava reciprocamente le labbra,e gli occhi si incrociarono appassionatamente in un lungo istante,il desiderio di baciarsi, inondava le vene.

Alex la guidò all’interno del ristorante dalla raffinatezza incomparabile, «Ho prenotato un tavolo in terrazza,solo per farti ammirare il fascino della notte che si unisce all’eternità del mare», le disse con voce calda. Quelle parole così ricche di sentimento,fecero fremere Elga,la voce di Alex le accarezzò l’anima. Salirono per le scale che portavano alla splendida terrazza dalla quale,si scorgeva un panorama mozzafiato che pareva dipinto; il mare e il cielo erano una cosa sola,un unico manto indaco e argento,e le case, divenivano minuscole dinanzi alla grandezza del creato.

Si sedettero al tavolo bianco di marmo,modellato a immagine di una colonna e apparecchiato con raffinatezza. Ordinarono un menù a base di pesce e dello champagne. Alex provò a domandarle qualcosa sul suo lavoro ed Elga disse di essere appassionata di arte ed antiquariato,ma non andò oltre. Temeva le domande personali,c’era qualcosa del suo passato che voleva nascondere a tutti i costi,rimase sempre sul vago. «Ho avuto delle relazioni che non sono andate a buon fine. Ho vissuto una lunga relazione durata 6 anni,e altre relazioni minori ma importanti a livello sentimentale; probabilmente non erano le donne per me. Ora vorrei trovare finalmente la persona giusta con la quale trascorrere la mia vita», disse Alex rivolgendole uno sguardo profondo. «Non ti amavano come dicevano di amarti. La mente delle persone non si sa mai cosa può celare. Si dimostrano tanto amorevoli e invece,nascondono dentro di esse un’anima becera e falsa. Io non le darei la soddisfazione nemmeno di nominarle queste persone,non si meritano neanche di essere ricordate», rispose nervosamente Elga, «anch’io ho ricevuto profonde delusioni,ma ho saputo sempre gettarmi alle spalle il passato e andare avanti,devo pensare alla mia vita,non posso farmi rovinare l’esistenza dal ricordo di persone indegne». Alex comprese tutto di lei in quella frase. Elga non gli parlò ancora di sua figlia,probabilmente era troppo doloroso per lei rivelare quel particolare della sua vita,non le domandò niente,lasciò scorrere le parole sui più vari argomenti.

Dopo cena,si soffermarono sulla terrazza ad osservare il mare,la leggera brezza salina che li accarezzava il viso donava loro una meravigliosa sensazione di serenità. Elga prese una sigaretta dalla borsa,e iniziò a fumare in silenzio appoggiata alla ringhiera del terrazzo,aveva lo sguardo perso nella notte, la felicità che poco prima le illuminava il viso scomparve,lasciando spazio ad un velo di malinconia,divenne improvvisamente pensierosa e cupa.

«C’è qualcosa che non va? Scusa se magari ho detto qualcosa che probabilmente ti ha ferita…non era mia intenzione», le domandò preoccupato Alex. La donna dopo aver espirato la boccata di fumo si voltò verso di lui: «non hai detto niente che mi ha ferita,tranquillo. Sai,avvolte i ricordi mi ritornano alla mente e non posso fare niente per fermarli…in certe occasioni, riaffiorano sempre i ricordi più tristi» Rispose lei con tono di voce abbassato,anche il suo sguardo divenne malinconico,mentre le labbra abbozzavano un leggero sorriso forzato per far vedere ad Alex che andava tutto bene,ma in cuor suo,non era così.

Alex si avvicinò a lei e le sfiorò la guancia sinistra, «Seppellisci per sempre quei ricordi che ti rendono triste,le persone che ti hanno orribilmente tradita,non ti meritano; fai finta che siano morti», Elga rimase colpita dalle sue parole così accorate. Alex indugiò per un attimo sulle labbra dischiuse della donna e la baciò profondamente e con tale passione da togliere il respiro ad entrambi. Elga ricambiò totalmente il bacio,abbandonandosi a quella spirale di passione ammaliante. Alex adorava quelle labbra soffici, dolci di rossetto,e quella nota di tabacco aromatico che era diventato il profumo che la caratterizzava,la rendeva attraente oltre ogni logica. Le cinse i fianchi stringendola a sé per sentire il suo corpo più vicino. Da quel momento sarebbe esistita solo lei,la sensazione del suo corpo libero sotto al vestito e il suo viso dalla bellezza inconfondibile,avrebbe voluto ammirarla per sempre,era un’opera d’arte. «Ti amo», le sussurrò Alex sulle labbra,e questa volta poté dirglielo per sentirlo e rendere reale l’emozione provata la sera precedente. Elga ricambiava i suoi sentimenti,«non abbandonarmi ora che mi sento nuovamente desiderata», disse lei commossa con un filo di voce quasi sospirando.

La serata trascorse meravigliosamente. Scattarono delle foto insieme per ricordare la magia di quei preziosi momenti,entrambi ricambiavano i loro sentimenti,e questo era come una rinascita personale reciproca verso una nuova vita.

Alex la accompagnò a casa con grande dispiacere,avrebbe voluto trascorrere più tempo con lei. La donna mentre parlavano in macchina era tentata più volte di rivelargli dell’esistenza di sua figlia,ma non ci riuscì.

«Domani è il mio giorno libero,potremmo trascorrere più tempo insieme», disse allegramente Elga. «Allora a domani amore. Dove ti piacerebbe andare?», domandò Alex. «Sai che amo il mare,per me una passeggiata sulla spiaggia è più che perfetta» Disse lei sorridendo.

Arrivati dinanzi al portone di casa,Elga uscì dall’auto dopo essersi congedata dal suo amato con un bacio.

Intanto Francesca appena udì i motori accesi dell’auto parcheggiata dinanzi al portone,si lanciò fuori di casa come una furia,era rimasta sveglia ad aspettare il loro ritorno. «Ora mi sente quel farabutto!», digrignò mentre scese al piano terra con l’ascensore. Aprì il portone d’ingresso e corse all’auto,Elga trasalì violentemente appena la vide dal finestrino,era sconvolta. Alex notò che la donna era come terrorizzata,guardò fuori anche lui, “Francesca? Cosa ci fa qui fuori?”, Pensò visibilmente agitato.

La ragazza si mise a gridare furente: «Sei solamente un lurido bugiardo,sapevo che non dovevo fidarmi di te! Sei l’amante di mia madre e hai fatto finta di non conoscerci! Perché mi hai mentito? Non lo accetto!» Sbottò.

Elga,rimase senza parole,non sapeva cosa avrebbe potuto dire ad Alex,il quale era molto confuso,«Francesca,cosa ci fai qui?», le domandò la madre in tono di rimprovero. «Non avrei voluto dirtelo,ma ieri notte lui mi ha riaccompagnata a casa perché stava piovendo e ha fatto finta di non conoscere casa nostra,sembrava vero che non ci conoscesse…» Elga rivolse ad Alex un’occhiata fulminea, «Sei entrato a casa mia senza il mio permesso?» Alex si apprestò a rispondere, «È una storia lunga da spiegare…ti giuro che non sapevo fino a ieri che quella ragazza fosse tua figlia…non mi hai mai parlato di lei», fece finta di non sapere niente a riguardo. Elga si mantenne la testa fra le mani,era molto nervosa, «ma è mai possibile che siete tutti traditori con me?! Fate finta di essere sinceri e poi mi mentite spudoratamente! Si lei è mia figlia,e allora? C’è qualche problema forse?» Sbottò con voce roca,trattenendo le lacrime. «Ma certo che no,cosa stai dicendo! Ieri notte l’ho incontrata per caso e l’ho accompagnata a casa perché stava piovendo molto. Io non volevo entrare,Francesca mi ha dato il permesso e sono entrato perché ha insistito,in fondo è stata gentile», spiegò cercando di farle comprendere la situazione,ma la donna era irremovibile. «Ah,e così dai retta ad un’adolescente dalle idee leggere che fa entrare gli estranei senza il permesso di un adulto, e il giorno dopo neanche mi dici niente, sapendo che sei entrato a casa mia senza il mio permesso e sei entrato in contatto con mia figlia!», Ribatté Elga. «Non ti ho detto niente semplicemente perché temevo che ti saresti offesa. Ho capito che sei una donna molto riservata e vuoi solo proteggere tua figlia facendola restare fuori dalle tue frequentazioni. È per questo motivo che non mi hai mai parlato di lei,è cosi? Ti capisco perfettamente e appoggio le tue scelte», disse Alex preoccupato,temeva che l’intromissione di Francesca avesse rovinato il loro rapporto.

«Il mio passato è molto doloroso e delicato se proprio vuoi saperlo,non deve stare nella bocca malsana di nessuno! Non mi sentivo pronta ad affrontare questa confessione su di me. Lo sapevi e sei stato zitto a far finta di niente invece di parlarmene subito,bel rispetto nei confronti della donna che dici di amare,lei è mia figlia avevo tutto il diritto di saperlo subito!», Era estremamente sconvolta,aveva le lacrime agli occhi e la voce spezzata per la rabbia.

«Francesca,con te facciamo i conti,entra immediatamente in casa!», Ordinò alla figlia,la quale rientrò nell’edificio. «Mi dispiace…non volevo assolutamente che accadesse questo. Se vuoi domani sono pronto a chiarire la questione,sappi che non voglio perderti!», Esclamò preoccupato Alex, «Basta così con le tue scuse! Non ho niente da charire!»

Elga entrò nell’edificio senza nemmeno voltarsi e sbatté la porta con forza.Alex rimase sotto casa,sconvolto per l’accaduto,temeva di averla persa per sempre.

CONTINUA…

34 commenti Aggiungi il tuo

  1. ECCEZIONALE COME SEMPRE 👍 IN TANDEM COL SEGUITO
    6 UNA GRANDE L’HO SEMPRE DETTO. VADO A CENARE PASSA UNA BELLA SERATA CARA ELY A DOMANI 😉🙋🤗😍🌻🌻🌼🌷

    Piace a 2 people

    1. Yleniaely ha detto:

      Ciaoo!!! 🙋🥰😘 Grazie infinite di cuore!!! 😘🥰♥️😍😊🤗💕💞 Buona serata anche a te!!! 😘🥰🤗

      Piace a 1 persona

      1. Grazie a te che ci regali sempre pregiate e raffinate opere di cuore

        Piace a 2 people

  2. Antonella Lallo ha detto:

    Bravissima una storia che mi prende e mi fa pensare ma il seguito come sarà?
    Ely aspetto la terza parte sono curiosa. Buona cena

    Piace a 1 persona

    1. Yleniaely ha detto:

      Ciaooo!!! 🙋😘🥰 Grazie infinite di cuore!!! ♥️
      Buona cena anche a te! 💞
      Un forte abbraccio pieno d’affetto!!! 😘🥰♥️🤗🌻

      Piace a 1 persona

      1. Antonella Lallo ha detto:

        Grazie a te aspetto la continuazione mi piace tanto 😊❤️

        Piace a 1 persona

  3. Alessandro Gianesini ha detto:

    C’è ancora troppo mistero per farsi un’idea precisa… e questo è decisamente un aspetto positivo della storia! 😉

    Piace a 1 persona

    1. Yleniaely ha detto:

      Grazie mille di cuore!!! 😘♥️🤗
      Ti dò un piccolo indizio: niente è come sembra,occhio, può essere un camaleonte questa storia!!! 😉😜

      Piace a 1 persona

      1. Alessandro Gianesini ha detto:

        Ah, beh… ormai aspetto il seguito, non ci piove! 😉

        E niente cinesi morti, mi raccomando! 😀

        Piace a 1 persona

      2. Yleniaely ha detto:

        😱🤣😜😜😜

        Piace a 1 persona

  4. Gianluca Brescia ha detto:

    Carina la seconda parte 😊

    Piace a 1 persona

    1. Yleniaely ha detto:

      Grazie infinite di cuore!!! ♥️😘🥰
      Sto già lavorando al terzo capitolo! 🤣

      Piace a 1 persona

      1. Gianluca Brescia ha detto:

        Figurati! ❤😘 sono molto contento che stai preparando il terzo capitolo! ✏🤗

        Piace a 1 persona

  5. silvia ha detto:

    Sempre più bello 😉

    Piace a 1 persona

    1. Yleniaely ha detto:

      Grazie infinite di cuore!!! 😘🥰♥️🤗

      "Mi piace"

  6. Roser ha detto:

    Beautiful story and painting. Congratulastions once again! 😊👏🏼

    Piace a 1 persona

    1. Roser ha detto:

      “Congratulations”

      Piace a 1 persona

    2. Yleniaely ha detto:

      Thank you infinitely from my heart!!! 🥰😘
      Thank you very much for your wonderful comment!!! 😘🥰
      A very big hug full of affection!!! 🤗♥️

      Piace a 1 persona

  7. Doree ha detto:

    Great story! You stop at the perfect time to keep me wanting more ❤️😊

    Piace a 1 persona

    1. Yleniaely ha detto:

      Thank you infinitely from my heart!!! 😘🥰♥️
      Love and mystery dance in the words of the story of Elga and Alex ♥️😍

      Piace a 1 persona

      1. Doree ha detto:

        Yes, at first I was worried Alex was not a good guy, maybe he’s not?! But now, I’m a little perplexed about the daughter…we’ll see :).

        Piace a 1 persona

      2. Yleniaely ha detto:

        Thank you infinitely!!! 😍♥️🤗😘

        Piace a 1 persona

  8. Paola ha detto:

    Lo leggo solo perché sei tu in genere non leggo cose così.

    Piace a 1 persona

    1. Yleniaely ha detto:

      Grazie infinite di cuore!!! 😍🥰💜💜💜💜

      "Mi piace"

      1. Paola ha detto:

        Figurati, fai miracoli.

        "Mi piace"

      2. Yleniaely ha detto:

        🥰😘💜💜💜🙏🙏🙏

        "Mi piace"

  9. forresting365 ha detto:

    I’m hooked! I’m intrigued and look forward to the next installment! I LOVE, LOVE, LOVE!!! The passion of Italians! This is SOOOOO very passionate and poetic. Really fun to read! Congrats, Ely! Cheers and Rock on! 🤗❤️😊

    Piace a 1 persona

    1. Yleniaely ha detto:

      Thank you infinitely from my heart!!! 🥰🥰🥰🥰♥️♥️♥️
      I’m so happy!!! 👏😄😄😄
      Thank you infinitely for your fabulous comment!!! 😍
      Tomorrow I will publish the third chapter! 😃
      I send you a very big hug full of affection!!! 🤗♥️🥰😘💐

      Piace a 1 persona

      1. forresting365 ha detto:

        Oh cool! I’ll be over to read it! Happy writing and HUGE hugs to You!!! 🤗❤️🌀😀😊

        Piace a 1 persona

Rispondi a Antonella Lallo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...